Novecento - primo piano | Page 15 | Galleria d’Arte Moderna
Novecento - primo piano

Miracolo (Olocausto)

Dopo gli anni tragici della seconda guerra mondiale il sentimento della vita si fa in Marino sempre più cupo e la sua opera si carica di una profonda angoscia: i Cavalieri, figure mitiche e metafora della condizione umana, perdono l'olimèico equilibrio delle versioni precedenti e annaspano disperatamente fino a cadere dai loro destrieri impennati. Questo nuov drammatico ciclo ha inizio nel 1943, qunado l'artista è costretto a ritirarsi in Svizzera, e prende il nome di Miracoli.

Natura morta

Con il 1948 si apre per Morandi una stagione serena, straordinariamente feconda, accompagnata – e forse in parte alimentata – dall’ampio riscontro critico che la sua opera proprio allora riceve, e che culmina con il conferimento del premio per la pittura alla Biennale di Venezia, dove l’artista espone nell’ambito della mostra Tre pittori italiani dal 1910 al 1920, accanto a Carrà e a De Chirico.

Nudo

Il dipinto vive di delicati contrasti cromatici, tra il rosa degli incarnati e il grigio del drappo e del pavimento sullo sfondo. La figura è raffinatamente irrealistica, quasi senza contorni. L'opera denuncia la trasformazione di Casorati intorno al 1927-1930, nel momento della verifica con il gruppo dei Sei. La tavolozza risulta schiarita, i colori sono sfumati e rarefatti, come nell'Aprile (o La toeletta, 1930; Milano, Civiche Raccolta d'Arte). Sul verso, dipinto ad olio sul compensato, è un bel nudo femminile con tavolozza.

Riccardo Passoni

Giovane donna (Bozzetto per "Le signorine") (Dolores)

La figura di asciutta definizione è in piedi, le mani portate al viso in espressione assorta; ai suoi piedi, sparsi, oggetti, libri e fiori connotano simbolicamente la "cristallina definizione psicologica" (L. Carluccio, 1964) della donna. L'opera appartiene al periodo veronese di Casorati (rientrato da Napoli nell'aprile del 1911). Essa presede o ricalca con limitate varianti la Dolores del quadro Le signorine (1912; Venezia, Ca' Pesaro), di cui riprende anche la tersa caratterizzazione luminosa, di tono verde acqueo.

Vecchia signorina (Vecchia) (Vecchia signora)

La figura appare ritagliata, con singolari caratteristiche di illuminazione, su di un fondo scuro, decorato con pois viola chiaro. L'opera si colloca nella parentesi napoletana di Casorati; l'effige della ritrattata è consueta di questo momento, comparendo tra l'altro al centro di Persone (1910 Torino, collezione privata). La Vecchia è stata considerata, forse impropriamente (L.

L'uomo delle botti (Un uomo)

Anche questa tempera è costruita secondo una determinazione prospettica particolare: apparentemente allungata e risalente verso l'alto, alzando il punto di osservazione della scena; in realtà i volumi delle botti "appiattiscono" la visione sul primo piano. L'ordinato disporsi delle botti, la figura immobile dell'uomo che obbedisce alla medesima legge costruttiva, sono ottenuti mediante un segno spesso, irrigidente le forme; prevalgono i grigi, i bruni, i bianchi sporchi.

Daphne (Daphne a Pavarolo)

La grande composizione presenta un articolato gioco prospettico: lo sfondato del paesaggio oltre le spalle di Daphne, seduta sul davanzale, si moltiplica sui vetri specchianti delle ante di finestra. Daphne si configura qui come l'emblema quasi astratto della calma solitaria. Il dipinto mostra il ritorno di Casorati ad uno stile più conchiuso e definito nei contorni della figura, e di impianto monumentalizzante, rispetto alle opere intorno al '30.

Riccardo Passoni

Ritratto di Hena Rigotti

L'assorta figura di Hena Rigotti appare studiatamente decentrata sul lato destro della tavola. Le fanno da contrappunto i frutti perfetti del piatto posato sulla tovaglia singolarmente "stropicciata". L'opera rappresenta uno dei culmini della ritrattistica di Casorati per la prima metà degli anni Venti, nel suo concentrato rigore compositivo, nella sua nettezza di segno e di superfici: accanto ai ritratti di Riccardo Gualino, di Alfredo Casella (entrambi a Firenze, coll. privata), dai richiami scelti alla ritrattistica fiamminga e italiana, ecc.

Pagine

Abbonamento a RSS - Novecento - primo piano